Come iniziare la terapia di coppia

La terapia di coppia è uno dei ricorsi più utilizzati da molte persone per cercare di risolvere i conflitti che possono essersi creati in una relazione. Sappiamo che il processo di convivenza è complesso e si verificano usure come conseguenze non solo da quella convivenza, ma anche da tutti i cambiamenti tanto personali come esterni che passano nella vita delle coppie. È questo che danneggia la convivenza.

Le coppie dovrebbero adattarsi via via ai cambiamenti e usare le risorse che hanno per andare a gestire le diverse situazioni. Quando le risorse vengono a mancare o si hanno altri problemi che creano disagio e influenzano lo stato emotivo di ognuno, aumenta l’insoddisfazione all’interno di questo rapporto. Questo processo di deterioramento è molto lento, e le coppie non cercheranno subito aiuto, cercano di risolverli, prendendo tempo, cercando di cambiare alcune situazioni, spesso arrivano anche a una soluzione, ma in molti altre nel corso del tempo senza trovare soluzioni ai problemi, aumentano i livelli di insoddisfazione e di disagio, ed è allora che le coppie prendono in considerazione la possibilità di una terapia.teapia di copia

Cos’è la terapia di coppia

Tuttavia, il processo di prendere una decisione è difficile, in molti dei casi che vediamo in consulenza ci dicono di averci messo molto tempo a prendere una decisione, pur essendo a conoscenza dei problemi che devono affrontare, per ignoranza di ciò che è la terapia e questo li fa arrivare con molti interrogativi sull’aiuto che possono effettivamente ricevere. Quello che succede quando arrivano, è che di solito hanno avuto un recente evento di carattere negativo, che è il motivo per cui si decidono a chiedere un consulenza.

Esiste però un ignoranza su “cosa è” e come si può collaborare a questa terapia. Questa carenza di informazioni causa dubbi e ritarda l’intervento, provocando un maggiore deterioro nella relazione. Pensiamo che dare informazioni chiare e semplici sul processo della terapia, quello che facciamo, come funzionano le sessioni, ecc… possa essere di grande aiuto per alcune persone che stanno vivendo una situazione complessa nella relazione di coppia e hanno pensato di utilizzare questa risorsa.

La terapia di coppia migliora la relazione coniugale

Dopo che la coppia ha preso la decisione di partecipare, e hanno chiesto un appuntamento, vengono ascoltati dallo psicologo che gli è stato assegnato. Nella prima intervista vanno entrambi, ci sono casi che per diverse ragioni si presenta solo un membro della coppia. Se uno dei due non vuole fare la terapia, è un grave errore cercare di convincerlo, o obbligarlo, si può cercare di spingerlo a partecipare alla prima sessione per informarsi e poi può prendere una decisione. Ma se non esiste la motivazione, non si può forzare.

In alcune situazioni, se nella terapia di coppia si presenta solo uno dei due, si cerca di sapere perché l’altro non è venuto, e studiare la possibilità che essa può andare, ma in molti casi la decisione è presa e logicamente deve essere rispettata. L’altra persona non vuole fare terapia di coppia non significa necessariamente che non si vogliono risolvere i problemi che si possono avere.

Leave a Reply